Tu sei qui

Seminario di Filosofia dal titolo "Il Tempo"

Relatore  Prof. A. G. Biuso.
(Un commento della prof.ssa Carmela Bufalino)

 

Venerdì 8 maggio, alle ore 15.30 ha avuto luogo l’incontro con il Prof. A.G.Biuso che ha tenuto una lezione sul tema del tempo rivolgendosi prevalentemente agli alunni delle quinte classi. Il tema è centrale e fondamentale all’interno del campo di interesse della filosofia e, dato che la filosofia, come dice il prof. Biuso, è attenzione a tutto ciò che accade, allora il tempo, al di là di qualunque definizione se ne voglia dare e che finisce inesorabilmente con l’essere parziale e insufficiente, ha bisogno della dovuta “cura”; il tempo infatti fugge e, nel fuggire, sfugge; con il tempo fugge la vita ma accade anche l’essere.
È il terzo anno che il nostro Liceo ospita il Prof. Biuso: negli incontri precedenti, concordati con il Dipartimento di Filosofia del “Fermi”, era stata proposta una riflessione filosofica sul ’68, in seguito alla ripubblicazione del suo libro “Contro il Sessantotto”, e una lezione su Nietzsche, che possiamo ritrovare nel testo “Nomadismo e benedizione”. La riflessione sul tempo si può leggere in “Temporalità e Differenza”.
Il Prof. Biuso insegna Filosofia della mente e Sociologia della cultura presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Catania. Collabora con numerose riviste e ha pubblicato libri, oltre che sui temi citati, sull’antropologia filosofica e sulle nuove tecnologie.
“Che cos’è dunque il tempo? Quando nessuno me lo chiede, lo so; ma se qualcuno me lo chiede e voglio spiegarglielo, non lo so.” Il percorso si apre con la citazione da Agostino di Ippona che porta immediatamente di fronte o dentro l’inesplicabilità del tempo. Attraverso la filosofia e le altre scienze o discipline si sono esplorati i diversi aspetti della dimensione temporale che finiscono per complicare e rendere la conoscenza del tempo sempre più incerta, comunque insoddisfacente, se solo qualcuna di esse venga proposta come esaustiva ed esclusiva. La nozione di tempo (che ci riporta, dietro il tempo misurabile, convenzionale, spazializzato, alla ciclicità degli eventi ricorrenti ma anche alla irreversibilità della freccia del tempo, a ciò che indietro non torna) viene distinta dalla nozione di temporalità che è il modo in cui l’uomo vive l’accadere delle cose, il perderle e il ritrovarle nella memoria, o l’immaginarle nell’attesa, ma anche il modo in cui l’uomo cerca e trova delle risposte e agisce nel mondo. Di fronte alla crescente complessità del mondo delle scienze e degli eventi storici e attuali il Prof. Biuso propone una lettura della temporalità e del tempo che “umilmente” presupponga il “politeismo metodologico”, ovvero la dinamizzazione dei diversi punti di vista, al fine di accedere a una conoscenza che abbia qualcosa da dire al modo di vivere, di conoscere e di agire dell’uomo. Gli studenti hanno seguito con grande interesse e probabilmente è stato colto uno dei tanti sensi della frase di Agostino: so cosa mi accade ma non so perché, se volessi saperlo devo prima poterne essere consapevole.

 

Sito del Liceo Scientifico "E. Fermi" di Paternò - sede e amministrazione Corso Del Popolo, N.1 - 95047 Paternò Tel.: +39 095 6136700  – Fax: +39 095 846400 - E-mail: ctps03000p@istruzione.it - PEC ctps03000p@pec.istruzione.it  cod. mec. CTPS03000P - C.F. 80011360874 - Codice Univoco Ufficio: UF2OT7

Sito realizzato da Michelangelo Nicotra su modello rilasciato da Porte Aperte sul Web, Comunità di pratica per l'accessibilità dei siti scolastici, nell'ambito del Progetto "Un CMS per la scuola" - USR Lombardia. Il modello di sito è rilasciato sotto licenza Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 3.0 Unported di Creative Commons.